Il Piaggione di Serravalle Relax Nel Cuore Del Chianti Classico
Home » Servizi » VISITE GUIDATE

VISITE GUIDATE

VISITE GUIDATE

VISITE GUIDATE - Il Piaggione di Serravalle

Non perdete l'occasione di visitare Siena e i paesi della provincia pieni di cultura ed opere d'arte; Camilla guida professionale autorizzata da oltre 30 anni potrà soddisfare tutto questo portandovi alla scoperta di luoghi meravigliosi pieni di storia e di capolavori unici, vi farà vedere posti indimenticabili e vi spiegherà avvenimenti, aneddoti, curiosità; avrete a disposizione una tra le migliori guide della provincia di Siena e non solo.

 Insieme potrete organizzare tour da effettuarsi nella giornata stessa o  visite guidate con degustazioni alle numerosissime cantine disseminate nel nostro territorio del Chianti Senese e Fiorentino. Siamo sicuri che sarà un esperienza unica.

 

LA SCULTURA E' OPERA DI ALBERTO INGLESI

La Toscana dei vini

La Toscana dei vini - Il Piaggione di Serravalle

IL CHIANTI CLASSICO

 Una meraviglia a nord di Siena, nell’area più nobile della produzione del Chianti e della sua degustazione.

Prima tappa, Panzano in Chianti, nella Conca d’Oro di Panzano piccolo paradiso di uve e vendemmie prestigiose. Passaggio a Greve in Chianti, dove ogni sabato si svolge il famoso “Mercatale”, uno dei più antichi mercati d’Italia, risalente al XII secolo.

 Di nuovo in macchina e si procede fino a San Casciano di Val di Pesa, dove soggiornò Machiavelli durante l’esilio e qui scrisse “Il Principe”. Oggi questa bella dimora è sede del Consorzio di Tutela del Chianti Classico. Spingendosi ora sulla via del ritorno, sosta a Castellina in Chianti, quindi a Greve in Chianti.

Ultima tappa, Radda in Chianti, storico capoluogo della Lega del Chianti, fondata nel 1384 dalla Repubblica Fiorentina per risolvere i contrasti con Siena. Nel clima di eterno conflitto tra Firenze e Siena, nasce anche la leggenda del galletto nero su fondo oro, simbolo del Chianti. Per scoprirla non c’è che arrivare fin qui.

SAN GIMIGNANO

SAN GIMIGNANO - Il Piaggione di Serravalle

A50 km dal piaggione di serravalle si alza all’orizzonte come un’apparizione.

E’ San Gimignano, con la sua cinta muraria e le sue incredibili torri, alte fino a 50 metri. Un gioiello di arte, vita e cultura medioevale, dichiarato dall’Unesco patrimonio dell’umanità. La storia San Gimignano risale al III secolo a.C., in epoca etrusca. Nel medioevo il borgo è una delle tappe più importanti sulla via Francigena, percorsa tra il 990 e il 994 anche da Sigerico, arcivescovo di Canterbury, nel suo viaggio di ritorno da Roma all’Inghilterra. Fu lui a nominare la città San Gimignano in onore del Santo Vescovo di Modena che la salvò dalle orde barbariche.

Nel 1199 San Gimignano divenne libero comune, ed è questa l’epoca del suo splendore. Fioriscono i commerci, fiorisce l’arte, si alzano le prime torri. La più antica è quella del Podestà, detta la Rognosa, la più alta è la Torre Grossa, a quota 54 metri. Un editto del 1255 impose questa come la massima altezza, limite infranto dalle famiglie aristocratiche degli Ardinghelli e dei Salvucci. Tutto è rimasto come allora.

 

Pienza

Pienza - Il Piaggione di Serravalle

A 81 km piaggione di serravalle

 

 

E’ nata da un sogno di perfezione, Pienza.

Una città rinascimentale voluta da Enea Silvio Piccolomini, salito al soglio pontificio con il nome di Pio II, e progettata da Bernardo Rossellino tra il 1459 e il 1462. Un unicum nella storia dell’arte e dell’architettura italiana. Imperdibile la piazza su cui si affacciano il Palazzo Piccolomini e la Cattedrale.

Pensando a questo meraviglioso edificio, perfetto e immacolato, Pio II aveva scritto: “Nessuno, pena la scomunica, deturpi il candore delle pareti. Nessuno ci appenda altri quadri. Nessuno aggiunga altari o apra nuove cappelle. Nessuno attenti in qualcosa alla bellezza della chiesa, che deve restare com’è”.

 

MONTERIGGIONI

MONTERIGGIONI - Il Piaggione di Serravalle

A 20 km dal piaggione di serravalle
         

Anche Dante rimase colpito dalla bellezza delle mura di Monteriggioni, costruite nel XIII secolo, e le inserì in alcuni versi dell’Inferno, nel XXXI canto: “Però che, come in su la cerchia tonda Monteriggion di torri si corona, così la proda che ‘l pozzo circonda torregiavan di mezza la persona li orribili giganti, cui minaccia Giove del cielo ancora quando tona”.

Sulla sommità di un colle, questa straordinaria cinta difensiva e le sue torri quadrangolari sono giunte a noi perfettamente intatte.

Un angolo di arte in Toscana, a due passi dal nostro resort, per rivivere il fascino di una terra unica al mondo.

Sito web in aggiornamento...